Home > Senza categoria > Novena di Natale – Tradizione e Devozione
Natale candela.

Vaga Aurora ecco l’ora
degna Madre a te s’invia.
Gabriele lieto e bello
ti saluta Ave o Maria.
Ludamu e cantamu cantamu e ludamu
lu viva cantamu lu viva Gesù.

Che fulgore che splendore! Bella Madre, in te ravviso!
Stilla grazie il dolce viso giacchè il seno tuo sereno
fatto è nuovo Paradiso.
Si fici già omu Gesù comu mia
la bedda Maria la so matri fu.

Verginella lieta e bella ecco l’ora s’avvicina
Gabriele a te s’inchina ti predice imperatrice.
Nasciu a la strania nasciu lu Bambineddu
nasciu puvureddu ppi patiri di cchiù.

Già l’Eterno Dio supremo sceso è già nel tuo bel seno
e il Bambino re divino nascerà tra paglia e fieno.
Lu voi e l’asineddu l’adura aduratu
è affettu cchiù gratu ca fai ora tu.

O felice, alma felice sei del ciel vermiglia rosa
di Dio figlia, madre e sposa nel tuo petto il pargoletto
l’Incarnato Dio riposa.
Si visti ‘fasciatu ‘nti na mangiatura
la pagghia cchiù dura lu so lettu fu.

Ecco ogni alma in lieta calma in si lieto e caro giorno
di splendore tutto adorno di vittoria e tanta gloria,
ogni cuore, grida intorno.
A tutti ‘nnamura sa faccia amurusa
assai luminusa è di lu suli cchiù.

Tutto il mondo nel profondo mai non cessa di lodare
le Tue glorie immense e rare sei tesoro pieno d’oro
sei di grazia fonte e mare.
Tu beni lu sai Bambinu amurusu
di st’arma lu spusu lu spusu miu si Tu.

Cara stella vaga e bella colma sei d’ogni splendore
del divino e santo Amore in Te santa sposa graziosa
sta racchiuso il Redentore.
Tu beni lu sai Bambinu amurusu
di st’arma lu spusu lu sousu miu si Tu.

O Maria madre pia chiara stella mattutina
tutto il mondo a te s’inchina. Pargoletta, donzelletta
sei del cielo la regina.
Assai graziusu assai beddu pari
a Tia vuogghiu amari Bambinu miu Gesù

Ludamu e cantamu cantamu e ludamu
lu viva cantamu lu viva Gesù.
Evviva il Bambino Gesù.